Sabato 21 dicembre ZufZone #Conflitto

« Questo è un invito artistico che vi richiama all’interno del Parco San Giovanni a Trieste. Il luogo non è casuale, così come non lo è la rassegna.
Questo è per noi un omaggio ad una persona che ha fatto tanto, molto, il possibile e spesso di più per l’arte e per gli artisti triestini. »

ZufZone #conflitto è la terza tappa di una rassegna poetica strutturata in otto date, ognuna di un colore diverso.

Il colore grigio:

Questa nostra esplorazione avrà luogo a Il posto delle fragole Trieste il 21 dicembre a partire dalle 20.30 e si aprirà con un Poetry Jam, uno spazio di condivisione letteraria, dove tutti sono invitati a portare un testo, una lettura inedita o persino le proprie canzoni.
Il tutto condotto dal nostro MC della serata: Theo La Vecia Verdiani.

Sperimenteremo poi la voce di Adriano Padua:
« STILL LIFE LIVE SET è la sonorizzazione dei quadri verbali di Adriano Padua, in un viaggio tra sonorità rock, electro, hip hop. Una serie di frame destabilizzanti, in cui la dimensione orale della parola e il suono si fanno corpo. Musica e poesia in dialogo, due arti che si generano reciprocamente, due sorelle gemelle che si accompagnano l’una all’altra fin dalle origini. Le musiche originali sono di Corrado Di Maria, Lorenzo Azzaro, Dj Fuzzten, Sed Nalac. »

A concludere la serata, a rappresentanza della scena hip hop del Friuli Venezia Giulia, avremo tre rapper: Smef, Kase e Psaicopat, rispettivamente di Trieste e Gorizia. Attraverso i loro testi potremo sperimentare come il confine tra poesia e rap possa diventare molto sottile.

Infine, il tema “Conflitto”, ovvero l’opposizione e lo scontro, continua per tutto il mese con una mostra collettiva, curata da Wii Houbabi, in cui saranno esposte le opere dell’Against You Crew: “Oger” e “Reus” iniziano a dipingere separatamente nei primi 2000 partendo dai muri ed evolvendosi sui vagoni.
Negli anni successivi instaurano una profonda amicizia nata dalla passione che li accomuna. Viene fondata “AY”, acronimo di “Against you”, nata già in un primo momento assieme ad altri membri che durante il percorso di evoluzione abbandonarono il progetto.
Oger e Reus si fanno carico di questa sigla e, spostandosi con l’obiettivo di dipingere treni e metropolitane sia sul territorio italiano ma anche europeo, e non solo, arrivano fino a New York. Riescono ad assicurarsi un nome di spicco in questo movimento, creando nuove connessioni e amicizie, allargando la crew a più membri da diverse città e paesi che nel corso degli anni hanno continuato a produrre opere targate “AY”

A tracciare questa mappa poetica sono ZufZone in collaborazione con La Collina Cooperativa Sociale, Zeno, Il posto delle fragole trieste, Radio Fragola, MOLD Records e Enoteca di Cormons, che porterà un po’ di questa nostra esplorazione anche all’interno della rassegna Taglio Poetico, ideata dalla poetessa Gaia Rossella Sain.